Autopalpazione del seno

L’autopalpazione del seno va praticata ogni mese subito dopo il ciclo mestruale ed è fondamentale continuare anche in gravidanza e dopo la menopausa.

Osservatevi con le braccia alzate di fronte allo specchio. Potrete così notare l’eventuale presenza di anormalità come retrazioni o infossamenti della cute o del capezzolo.

Spremete i capezzoli e osservate se fuoriesce del secreto



2 Sdraiatevi su un piano rigido ed alzate sotto la testa il braccio dalla parte del seno da esaminare. Controllate il seno destro con la mano sinistra e viceversa. Se il seno è molto voluminoso è utile mettere un cuscino sotto la spalla. La mano deve avere le dita ben tese, a piatto.



3 Scorrete con la mano su tutto il seno, dall’esterno all’interno verso il capezzolo.


4 Controllare poi il seno nei singoli punti, premendo con piccoli movimenti circolari, senza premere eccessivamente.
Controllate tutto il seno, dalle zone più esterne alle più interne, compreso il capezzolo.